Consiglio Direttivo

Il nuovo Consiglio, operativo per regolamento, anche se formato da 6 membri invece di 7, risulta composto come sotto indicato:

 Presidente: Gerardo Palla
 Segretario: Simone Marchetti
 Tesoriere: Massimo Bellesia
 Consigliere: Liliana Bottazzi
 Consigliere: Daniela Sassi
 Consigliere: Paola Ambrogi

Il recente DdL Lorenzin (LEGGE 11 gennaio 2018, n. 3) trasferisce gli Ordini Territoriali dei Chimici ed il Consiglio Nazionale, dal Ministero di Grazia e Giustizia al Ministero della Salute e cambia la denominazione da Ordine dei Chimici a Ordine dei Chimici e dei Fisici.
Si allega l’art. 8 del DdL Lorenzin
Art. 8 Ordinamento delle professioni di chimico e di fisico

Da *** ATTO COMPLETO ***http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario
17 di 24 01/02/2018, 08:33

1. Gli articoli 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 17, 18, 19, 20, 21, 22 e 23 del regolamento di cui al regio decreto 1º marzo 1928, n. 842, per l’esercizio della professione di chimico, sono abrogati.
2. Il Ministro della salute esercita l’alta vigilanza sul Consiglio nazionale dei chimici che assume la denominazione di Federazione nazionale degli Ordini dei chimici e dei fisici, al quale si applicano le disposizioni di cui al decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233, ratificato dalla legge 17 aprile 1956, n. 561.
3. All’articolo 1 della legge 25 aprile 1938, n. 897, le parole: «i chimici,» sono soppresse.
4. All’articolo 1 del decreto legislativo luogotenenziale 23 novembre 1944, n. 382, le parole: «di chimico,» sono soppresse.
5. All’articolo 17, secondo comma, del decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233, e successive modificazioni, dopo la lettera e) sono aggiunte le seguenti: «e-bis) per l’esame degli affari concernenti la professione di chimico, un ispettore generale chimico e otto chimici, di cui cinque effettivi e tre supplenti; e-ter) per l’esame degli affari concernenti la professione di fisico, un ispettore generale fisico e otto fisici, di cui cinque effettivi e tre supplenti».
6. All’articolo 1, comma 1, del regolamento per il riordino del sistema elettorale e della composizione degli organi di Ordini professionali, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 luglio 2005, n. 169, le parole: «dei chimici,» sono soppresse.
7. Fino all’adozione di specifico regolamento recante modifiche e integrazioni della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di Stato e delle relative prove per l’esercizio delle professioni di chimico e di fisico, nonché della disciplina dei relativi ordinamenti, nell’albo professionale dell’Ordine dei chimici e dei fisici sono istituiti, all’interno delle relative sezioni A e B, i settori «Chimica» e «Fisica» nel rispetto delle previsioni dell’articolo 3 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328.
8. Il Ministro della salute, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, adotta gli atti funzionali all’esercizio delle funzioni di cui ai commi precedenti. Entro il termine di cui al periodo precedente il Ministro della salute adotta altresì gli atti necessari all’articolazione territoriale degli Ordini dei chimici e dei fisici e nomina i commissari straordinari per l’indizione delle elezioni secondo le modalità previste dal decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233. I Consigli direttivi degli Ordini dei chimici e il Consiglio nazionale dei chimici in essere alla data di entrata in vigore della presente legge restano in carica fino alla fine del proprio mandato con le competenze ad essi attribuite dalla legislazione vigente; il rinnovo avviene con le modalità previste dalla presente legge e dai relativi provvedimenti attuativi.
9. Dall’attuazione del comma 5 non devono derivare nuovi o maggiori oneri per il bilancio dello Stato.